aaaaa

Civico24

Quote Image
Quote Image

Una ristorazione più vicina alle persone. Un luogo di gusto dove ci si dà del tu. Meno apparenza più sostanza.

Marco Gatti

Civico 24, il “salotto” di alta cucina della Brianza

Ad Albiate, da Lara Buoninsegni ed Enrico Casati, pochi coperti per gustare piatti d’autore con i vini di una grande cantina

Una ristorazione più vicina alle persone. Un luogo di gusto dove ci si dà del tu. Meno apparenza più sostanza. Se cercate un locale che abbia queste caratteristiche, l’indirizzo che fa per voi è una nostra scoperta, una new entry radiosa de IlGolosarioRistoranti GattiMassobrio.
E’ Civico 24 ad Albiate.
Vi aspetta in piazza Conciliazione, cuore del bel paesino della laboriosa Brianza – che ha dato i natali a Vittorino Colombo, più volte ministro e già presidente del Senato nel 1983 e a Bernardo Caprotti, il “padre” di Esselunga – dove si affacciano la Chiesa di San Giovanni e la torre campanaria, dell’XI secolo.

All’esterno, solo una vetrina con la porticina in vetro, e sulla destra l’insegna che annuncia che il locale è ristorante – gastronomia.

All’interno, appena varcato l’ingresso, una saletta lillipuziana dove sulla destra, dietro al banco-bar, c’è la cucina a vista, mentre sulla sinistra ci sono due tavolini ideali per coppie. In fondo, oltre un arco, una saletta-bomboniera dall’atmosfera molto calda, con soli quattro tavoli, bottiglie di distillati e vini in esposizione, ad anticipare il vero orgoglio di questo indirizzo, la cantina, che custodisce oltre 400 etichette.

Ora, il perché dei pochi coperti – ricordatevi di prenotare -, lo capirete da servizio e cucina, “sartoriali”. Con Lara Buoninsegni ed Enrico Casati, la coppia affiatata nella vita come nel lavoro, titolare, che vi ospiterà come foste amici, nel salotto di casa loro. Con i vini, anche a bicchiere, della splendida selezione, dove troverete molti nostri Top Hundred e molteplici etichette non scontate, vere scoperte, frutto della ricerca appassionata di Enrico.

Da un menu che Lara modula sulla spesa quotidiana, potrete gustare piatti di piena soddisfazione come cotechino di mangalica lenticchie e zabaione dorato, o come la zuppetta di patate e pomodori sautè di cozze chips di topinambur e olio di pino mugo.

Tra i primi, pasta ripiena fatta in casa, con i tortellini emiliani con sugo alla riduzione d’arrosto (buonissimi, la ricetta è quella della nonna di Enrico, che da Piacenza si trasferì nel dopoguerra ad Albiate, aprendo un pastificio di successo). Riso, con risotto con Shorpshire e riduzione di Porto.

Di secondo, per golosoni trifolato di porcini (di Borgotaro e Valtellina) con polenta, scaloppa di foie gras con pere al Moscato macaron con crema al rafano e glassa di Sherry o per chi li ama i formaggi (la selezione è di Degust Affineur di Varna).

A chiudere cheesecake americana al caramello salato e noci brasiliane o babá al rum. Uscirete con tanta voglia di tornare. Di Civico 24 si sentirà parlare. Quanti piccoli – grandi locali così ci vorrebbero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *